Donazione del seme

IL PROGRAMMA DI DONAZIONE DEL LIQUIDO SEMINALE

Differenti condizioni sono responsabili di alterazioni irreversibili e permanenti delle caratteristiche del liquido seminale tali da compromettere la possibilità di un concepimento spontaneo o il ricorso a tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita con il seme della coppia (fecondazione omologa).

In tali casi è possibile ricorrere all’ impiego del seme di un donatore esterno alla coppia (fecondazione eterologa), secondo quanto previsto e stabilito dalla sentenza della Corte Costituzionale del 09 Aprile 2014 in materia di Riproduzione Medicalmente Assistita eterologa.

La Donazione del liquido seminale è assolutamente anonima. Per nessun motivo può essere rivelata l’identità del donatore alla coppia né viceversa.

LE PRINCIPALI INDICAZIONI AL PROGRAMMA DI DONAZIONE DEL LIQUIDO SEMINALE

Possono ricorrere alla donazione del liquido seminale gli uomini:

  • affetti da patologie neoplastiche o autoimmuni che si sono sottoposti a terapie responsabili di danni alla spermatogenesi;
  • affetti da patologie, neoplastiche e non, che si sono sottoposti a interventi chirurgici dell’apparato genitale, causa della perdita irreversibile di tessuto testicolare;
  • esposti a lungo, spesso per motivi di lavoro, a sostanze genotossiche ovvero potenzialmente tossiche per l’integrità del materiale genetico degli spermatozoi;
  • con assenza totale di spermatozoi nel liquido seminale per mancata produzione dal testicolo, (azoospermia secretiva) da causa genetica o acquisita;
  • portatori di anomalie cromosomiche o genetiche, tali da non essere compatibili con la vita o con elevato rischio di trasmissione alla prole.

TAPPE PRINCIPALI DEL PROGRAMMA DI DONAZIONE DEL LIQUIDO SEMINALE

FASE 1: Selezione del donatore
FASE 2: Raccolta del liquido seminale
FASE 3: Impiego del liquido seminale da donatore

FASE 1: Selezione del donatore

La scelta del donatore prevede un accurato e meticoloso processo di selezione da parte del nostro staff multidisciplinare mediante:

  • visita medica ed urologica, counseling psicologico;
  • esami ematochimici volti a valutare lo stato generale di salute del donatore;
  • screening infettivo per epatite B, epatite C, HIV e sifilide; Citomegalovirus;
  • cariotipo ed indagini genetiche per escludere che il donatore sia portatore delle malattie ereditarie più frequenti.

Lo screening genetico di routine comprende la valutazione di cariotipo, fibrosi cistica, talassemia, sindrome X-fragile e atrofia muscolare spinale; ulteriori indagini genetiche vengono eseguite per indicazioni specifiche per la singola coppia.

Particolare attenzione è volta all’anamnesi familiare del potenziale donatore di liquido seminale: la familiarità per malattie genetiche e neurodegenerative rappresenta un elemento di esclusione dal programma di donazione di liquido seminale.

I donatori solo esclusivamente uomini di giovane età.

FASE 2: Raccolta del liquido seminale

Dopo un periodo di astinenza di 2 e 4 giorni il donatore ritenuto idoneo alla donazione del liquido seminale deve raccogliere per masturbazione presso il nostro Centro il campione di seminale in un contenitore sterile.
Il campione di liquido seminale così ottenuto viene valutato dal biologo per numero, motilità, morfologia e vitalità degli spermatozoi.

In condizioni particolari è possibile ricorrere alla crioconservazione (congelamento) del campione di liquido seminale che prevede l’impiego di un composto in grado di preservarne le caratteristiche al momento del congelamento (crioprotettore) all’interno di particolari contenitori (paillettes), sigillati e sterili.

FASE 3: Impiego del liquido seminale da donatore

Il liquido seminale da donatore può essere impiegato per tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita di I° livello (inseminazione intrauterina) o tecniche II° livello (Fecondazione in vitro e transfer dell’embrione).

Ultime discussioni

Ivf


23/09/2017
Gentile Dottore, di seguito il mio quesito: Io e mio marito abbiamo cercato una ...

Aborti ricorrenti – endometrite cronica


17/09/2017
Buongiorno Dr. Bilotta Pasquale, Negli ultimi venti mesi ho avuto quattro aborti...

informazioni


14/09/2017
buonasera, sono in cura dalla Dr.ssa Tripodi e ormai sono 2 anni che cerco una g...
Ultime notizie

Preservare la fertilità con il Social Freezing


17/10/2017
Oggi sempre più donne sono costrette a rinunciare o a posticipare il loro desid...

Infertilità femminile: diagnosi e possibili cause


9/10/2017
DIAGNOSI Anamnesi ed esame obiettivo La prima tappa di valutazione della pazient...

Cosa bisogna sapere sull’esame del cariotipo?


2/10/2017
Il cariotipo è l’assetto cromosomico di un individuo. I cromosomi sono le...

Prenota una visita

 * Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana