Certificazioni

L’Alma Res avvalendosi della collaborazione della Sezione di Igiene del Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”controlla periodicamente il funzionamento dell’impianto di ventilazione e condizionamento a contaminazione controllata (VCCC), la sua manutenzione, l’osservanza delle procedure comportamentali da parte del personale medico ed ostetrico nonché verifica la corretta applicazione dei protocolli di sanificazione e di disinfezione adottati.

Gli accertamenti hanno lo scopo di rilevare in via prioritaria la qualità dell’aria immessa negli ambienti (concentrazione numerica del particolato aerodisperso) e di misurare le portate d’aria sia immessa sia estratta.

Secondo la UNI EN ISO 14644 e le linee guida ISPESL 2009

I rilievi della concentrazione numerica del particolato aerodisperso e delle portate d’aria consentono di esprimere un giudizio positivo sulla qualità dell’aria immessa negli ambienti indagati: a centro ambiente la purezza dell’aria è almeno di classe ISO 7 mentre la cappa a flusso laminare verticale garantisce un qualità dell’aria di grado A.

Sotto cappa, in condizioni di flusso normale e di flusso ridotto, il numero di particelle è risultato nullo in tutte le classi dimensionali; si può dunque affermare che nelle lavorazioni è garantita una qualità dell’aria almeno di grado A (ISO 5). I ricambi d’aria orari sono ben superiori ai valori di riferimento indicati dal Decreto REGIONALE 54/2013.

Ultime notizie

Crioconservazione: meglio congelare ovociti o embrioni?


14/06/2017
La nostra esperienza mostra che non c’è alcuna differenza, in termini di sopr...

Spermiogramma, l’esame giusto per lui


7/06/2017
L’analisi del liquido seminale o spermiogramma, rappresenta il punto di parten...

La differenza tra sonoisterosalpingografia e isterosalpingografia


31/05/2017
Sia la sonoisterosalpingografia che la isterosalpingografia hanno lo scopo di ve...

Prenota una visita

 * Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana